07082019-IMG_4783.jpg

Un onesto e parziale discorso sopra i massimi sistemi 

                                                                    > Pietro Angelini   

di e con Pietro Angelini

sound design Filippo Lilli

light design Paride Donatelli

produzione esecutiva 369gradi

Residenza Produttiva Carrozzerie | N.O.T.

___________________________________

info: Elisa Pescitelli

info@369gradi.it

“Un onesto e parziale discorso sopra i massimi sistemi” 

è onesto perché è sincero almeno al 85%

è parziale perché non può prendere in esame tutto

è sopra i massimi sistemi perché ruba il titolo all’opera “Dialogo sopra i due massimi sistemi del mondo” di Galileo Galilei.

Non è una confutazione del sistema tolemaico-aristotelico a favore di un sistema copernicano

ma tratta comunque temi più grandi di noi.

Ma soprattutto è il primo spettacolo di Pietro Angelini.

 

Un onesto e parziale discorso sopra i massimi sistemi è uno spettacolo in bilico tra ironia e disperazione, concepito come un autoritratto dell’autore e simultaneamente come una radiografia del contesto storico, sociale e artistico contemporaneo.

Pietro fa i conti in maniera abilmente ingenua con gli avvenimenti della sua vita di giovane uomo, di attore, di figlio con un forte senso di responsabilità e di individuo con tante domande da fare al mondo. Il suo è un flusso di pensieri, di concetti e di aneddoti, che si manifesta attraverso un linguaggio cross-mediale e che diventa materia teatrale disegnando un profilo intimo e psicologico del protagonista.

 

La spinta dinamica che ha portato alla creazione dello spettacolo è la violenta reazione all'immobilità, condizione antiproduttiva nella quale è difficile riconoscersi e che riguarda tutti.

Scoprendo la propria inattività durante un periodo lavorativo come maschera in teatro, fermo in piedi per 5 o 10 ore al giorno, l'unica modo di reagire per Pietro è irruento come l'improvviso deragliare di un treno che gira all’infinito su un binario circolare.

 

Allora ecco il fluire delle idee, dei progetti e di tutte quelle invenzioni mai realizzate, su cui costava troppa fatica mettersi al lavoro e che adesso prendono finalmente forma. 

Tutte, le une accanto alle altre, costruiscono un primo rudimentale sistema economico, definiscono un inesplorato mercato artistico e generano la possibilità concreta di guadagno in termini monetari.

 

Del resto siamo tutti qui per l’arte, no?

   Contattaci      

369gradi srl  

Via di Mezzocammino 151, 00128 Roma  

P.Iva 12458271009  

info@369gradi.it   ||   skype: 369gradi