family games-123 PREFERITA.jpg

                                                                       > Mimosa Campironi   

 Family Game VR        

testo e regia di Mimosa Campironi

con Alessandro Averone


disegno luci Massimo Galardini
scene e costumi Paola Castrignanò
make up artist Bruna Calvaresi
musiche Bertrand

produzione Teatro Metastasio di Prato e 369gradi

 

Testo selezionato da Italian and American Playwrights Project 2020/22

ringraziamenti FiloQ, Davide Toffolo, CTB - Centro Teatrale Bresciano, Amedeo Guarnieri

___________________________________

info: Alessia Esposito

info@369gradi.it

Mimosa Campironi

Family Game è uno dei primi spettacoli teatrali in realtà virtuale al mondo: lo spettatore sarà portato a immergersi nell’opera teatrale diventandone parte.

A ognuno è consegnato uno speciale visore immersivo, per una visione a 360° dello spettacolo che lo catapulterà al centro della scena. Intorno a lui si svolge l’azione dei personaggi, sia virtuali, sia presenti in sala. La storia è quella di uno scambio di identità, a partire dalla fuga misteriosa di un uomo dalle macerie di un terremoto. Il progetto nasce dalla volontà di utilizzare la tecnologia come amplificatore del concetto pirandelliano di identità frammentata tra maschera e individuo, fino a confondere immaginario e realtà. In questo quadro la scrittura è pensata per l'interpretazione di un solo attore che si cala nei panni di tutti i personaggi presenti nel racconto. Assisterete ad un monologo che sarà un crescendo e allo stesso tempo una caduta verso il grottesco. Chi indossa il visore è chiamato a partecipare attivamente alla narrazione, per scoprire cosa si nasconde tra le pieghe della storia di cui è testimone.